Guida all'inserimento di nuove segnalazioni

Per inserire nuove segnalazioni in Wikiplantbase è necessario disporre delle credenziali di accesso, che consistono nella combinazione codice utente / password per l'accesso alla pagina di inserimento dati, per l'effettivo inserimento nel database.

Per aprire la scheda di inserimento, cliccare su " Inserisci nuove segnalazioni": al primo accesso si aprirà una finestra con la richiesta delle credenziali di accesso alla pagina.

Dopo averle inserite e confermate con il pulsante "Ok", si aprirà la scheda di inserimento.

I campi dati, numerati da 1 a 12, possono essere obbligatori o facoltativi; l'inserimento dei dati può essere libero, assistito o vincolato da elenchi a comparsa, come specificato nel seguito.

Al termine dell'inserimento si può:

  1. registrare la scheda nel database cliccando sul pulsante "Invia i dati";
  2. cancellare i dati cliccando sul pulsante "Cancella i dati";
  3. chiudere la scheda e tornare alla pagina iniziale cliccando sul pulsante "Chiudi la scheda".

Attenzione: solo il pulsante "Invia i dati" permette la registrazione dei dati, segnalata da un messaggio di conferma dell'operazione; gli altri comportano la totale perdita dei dati della scheda.

Prima di registrare i dati, il programma controlla che i dati obbligatori siano presenti; in caso contrario, emette un messaggio di errore con il campo da completare. Quando il controllo ha successo, i dati sono inviati al database. Al primo invio, si apre una finestra per l'inserimento delle credenziali Google.

Di seguito si danno indicazioni per la compilazione di ciascun campo dati.

1. Tipo di reperto.

E' un campo di testo obbligatorio con tre sottocampi che specificano il tipo di fonte della segnalazione, il tipo di segnalazione e l'indigenato della specie segnalata. Per ciascun sottocampo il dato deve essere inserito mediante gli elenchi a comparsa predisposti.
L'elenco a comparsa di sinistra prevede quattro possibilità, disposte in ordine crescente di valore scientifico:
  1. osservazione;
  2. campione d'erbario;
  3. fonte bibliografica;
  4. campione pubblicato.
La scelta delle voci condiziona la possibilità di inserire dati nei campi "erbario", "legit" e "rif. bibliografico", come mostrato nella tabella 1.

Tab. 1
TIPO DI REPERTO CAMPI
  erbariolegitrif. bibliografico
osservazioneabilitatoabilitatodisabilitato
campione d'erbarioabilitatoabilitatodisabilitato
fonte bibliograficadisabilitatodisabilitatoabilitato
campione pubblicatoabilitatoabilitatoabilitato

Quando uno dei campi in Tab. 1 è abilitato, diventa anche obbligatorio per quel tipo di reperto.

L'elenco a comparsa al centro specifica le tre scelte relative al tipo di segnalazione:

  1. presenza
  2. esclusione
  3. dubbia
All'apertura della scheda l'elenco propone il valore "presenza".
Infine, l'elenco a comparsa di sinistra permette di scegliere l'indigenato della specie segnalata:
  1. nativa
  2. esotica invasiva
  3. esotica naturalizzata
  4. esotica casuale
  5. coltivata
All'apertura della scheda l'elenco propone il valore "nativa".

Non è possibile inserire testo libero nel campo 1. Il mancato inserimento di questo dato provoca un messaggio di errore al momento della registrazione della scheda.

2. Sub

E' un campo obbligatorio che specifica il nome attribuito al campione dall'osservatore, oppure quello riportato sul cartellino d'erbario o sulla pubblicazione. In caso di campione pubblicato, vale il nome del cartellino d'erbario.

L'inserimento di dati in questo campo è assistito: dopo il quarto carattere inserito viene proposto un elenco ad autocompletamento. È tuttavia possibile inserire testo libero.

Se l'utente seleziona un nome in autocompletamento, il programma sceglierà il nome accettato corrispondente e lo inserirà nel campo successivo (nome scientifico); in caso contrario, il nome scientifico dovrà essere inserito manualmente.

3. Nome scientifico

E' un campo facoltativo che specifica il nome scientifico accettato attribuito al campione dal programma di inserimento dati, dal compilatore della scheda o dagli editori di WikiPB in fase di verifica della scheda.

Il campo non accetta testo libero: inserimento e modifica avvengono esclusivamente attraverso l'elenco ad autocompletamento.
Se il campo Sub è stato riempito in autocompletamento, il programma riempie automaticamente anche il campo Nome scientifico.

In ogni caso, è possibile modificare il nome proposto dal programma.
Questa funzione è attiva solo se il campo è rimasto vuoto.
La scelta è limitata a combinazioni accettate dalla versione più recente della Checklist della Flora d'Italia.

4. Data del reperto.

E' un campo obbligatorio che accetta testo libero. Si raccomanda uno dei seguenti formati:
  1. 5 Jul 2013 (data completa, giorno del mese con una cifra)
  2. 12 Jul 2013 (data completa, giorno del mese con due cifre)
  3. Jul 2013 (giorno del mese non noto)
  4. 2013 (giorno del mese e mese non noti)
  5. s.d. (neppure l'anno è noto)
L'anno è sempre scritto con quattro cifre.
Il programma esegue un controllo formale sulla data sulla base dei formati descritti sopra; i mesi possono essere scritti in lingua italiana, latina o inglese, per esteso o abbreviati:
  1. gennaio, Ianuarius, January, gen, Ian, Jan
  2. febbraio, Febrarius, February, feb, Feb
  3. marzo, Martius, March, mar, Mar
  4. aprile, Aprilis, April, apr, Apr
  5. maggio, Maius, May, mag, Mai, May
  6. giugno, Iunius, June, giu, Iun, Jun
  7. luglio, Iulius, July, lug, Iul, Jul
  8. agosto, Augustus, August, ago, Aug
  9. settembre, September, set, Sep
  10. ottobre, October, ott, Oct
  11. novembre, November, nov, Nov
  12. dicembre, December, dic, Dec

5. Prov., comune, toponimo, località precisa, coordinate, accuratezza

Contiene la georeferenziazione della segnalazione, articolata in vari sottocampi.
I sottocampi obbligatori 5a (provincia e comune) e 5b (località) possono essere compilati in tre modi distinti in funzione delle informazioni note.
  1. Se provincia, comune e località sono noti, l'utente può inserire i primi due dai rispettivi elenchi a comparsa e la località mediante l'elenco ad autocompletamento. In fase iniziale, solo l'elenco delle province è disponibile, mentre quello dei comuni si riempie dopo la scelta della provincia e quello delle località, dopo la scelta del comune.

    La selezione di una località dall'elenco attiva e la scrittura automatica delle relative coordinate geografiche nell'apposito campo. Se le lettere digitate non trovano corrispondenze, l'elenco non viene proposto e l'inserimento continua manualmente, incluso quello delle coordinate geografiche (campo 5d).

    È possibile interrogare preventivamente il database delle località e aggiungerne di nuove alla pagina di ricerca toponimi.

  2. Se sono note le coordinate geografiche, l'utente può inserire, in gradi decimali, la latitudine N in nel sottocampo a sinistra e la longitudine E in quello di destra, riferite al datum WGS84.
    Per inserire i valori nei campi 5a e 5b è sufficiente premere il pulsante "Trova località", che lancia una ricerca del toponimo pi` prossimo alle coordinate indicate.
  3. Questa modalità di inserimento prevede che l'utente sia in grado di localizzare sulla mappa la località precisa della segnalazione: in questo caso basta un clic sul punto per riempire i campi 5a, 5b e 5d in modo automatico.
Il campo facoltativo 5c (località precisa) contiene le indicazioni per individuare la stazione oggetto di segnalazione, mentre il campo obbligatorio 5e (accuratezza) indica il grado di precisione della segnalazione. Se l'utente ha compilato il campo 5c, l'accuratezza dovrebbe essere impostata a "<1km" (punto sulla mappa a meno di 1 km di distanza dalla stazione) mediante i bottoni radio, altrimenti deve essere impostata a valori più elevati (minore precisione).

6. Ambiente

E' un campo facoltativo a testo libero. Tramite i due menu a tendina "Cod. Corine L1" e "Cod. Corine L2-3" è possibile inserire i codici Corine Land Cover.

7. Quota

Campo facoltativo a testo libero che contiene la quota in m. Può essere inserito un valore singolo (ad es. 350) oppure un intervallo (ad es. 350-500).

8. Erbario

Campo obbligatorio per alcuni tipi di reperto (v. tab.1), è articolato in due sottocampi:
  1. codice internazionale dell'erbario dove il reperto è conservato, secondo la codifica di Index herbariorum, inserito come testo libero;
  2. nome del raccoglitore specificato sul cartellino d'erbario, inserito come testo libero.

9. Fonte bibliografica

Campo obbligatorio per alcuni tipi di reperto (v. tab.1), contiene la fonte bibliografica della segnalazione (per esteso). L'inserimento è assistito da un elenco che compare dopo l'inserimento delle prime tre lettere dell'autore, con iniziale maiuscola. Non è possibile inserire manualmente il testo.

La presenza delle fonti bibliografiche nel database può essere controllata con la specifica pagina di ricerca, che consente anche l'inserimento delle fonti mancanti.

10. Note

Campo facoltativo con inserimento di testo libero. E' utile per commentare l'inserimento della segnalazione qualora l'operatore lo ritenga opportuno.

11. Bibliografia suppl.

Campo facoltativo con inserimento di testo libero. Raccoglie i riferimenti bibliografici non inerenti la segnalazione ma che ne documentano l'interesse.

12. Verifica

Campo riservato agli editori di Wikiplantbase.